Flora, prati di montagna e malghe

Le rocce e il terreno, la quota e il microclima determinano il tipo e la varietŕ delle associazioni vegetali presenti.
La fascia boschiva e gli arbusteti nani
La fascia boschiva č limitata ai margini del parco naturale. Nel territorio del Gruppo del Pütia e specialmente presso il Passo delle Erbe o nella Selva della Rodella sono presenti estesi consorzi di pino cembro, che presentano forte rinnovazione naturale, una situazione quasi unica in Alto Adige. Da mettere in evidenza sono pure i popolamenti di abete rosso nei boschi del Pütia e i lariceti non lontani da Halsl. Vasti tappeti di rododendro e di pino mugo si sono sviluppati sulle pendici occidentali del Pütia.
Magnifici gruppetti di pino cembro si spingono dall’attacco della Val di Funes fino ai ghiaioni delle Odle. Nella Vallunga troviamo un bosco rado composto da abeti rossi, larici e pini cembri. Singoli alberi giovani si spingono fino alla quota di 2.400 metri. Al di sopra di tale quota crescono solo contorti pini mughi accompagnati da una ricchissima flora. Nello strato inferiore della vegetazione crescono il mezzero, la dafne rosea, l’erica carnea, i rododendri e vari cespugli da bacca.
Prati di montagna e malghe
In primavera presso Malga Zannes fioriscono le incantevoli pulsatille primaverili, le soldanelle, le primule farinose ed i fiori del croco, preannunciando la nuova stagione. In estate nei prati prevalgono i colori azzurro e rosso delle labiate e delle scrofulariacee. La pediculare a foglie verticillate, la negritella, l’aconito napello e l’elleboro, il crisio spinosissimo e la genziana punteggiata ravvivano di forme e colori i prati falciabili di alta montagna. Sui prati del Compaccio e del Putia il croco e il colchico hanno in primavera e in autunno la prima e l’ultima fioritura. In estate fioriscono l’arnica ed il trifoglio pratense, insieme a molte altre specie variopinte. Su terreni umidi delle vallette nivali fioriscono le soldanelle e l’achillea. Particolarmente ricchi dal punto di vista floristico sono anche i prati alberati con larice dell’alta valle di Longiarü e il fondovalle della Vallunga. Tra i fiori piů belli si possono citare il rododendro nano, le scarpette della Madonna, il giglio martagone e quello di San Giovanni e l’anterico liliagine.

Copyright © 2018 | Malga Medalges, Campill, Longiarů | Famiglia Seyr & Graber | San Lorenzo di Sebato, Runggen 6a (Sudtirolo) | Cel. +39 347 5049169 | P. IVA: IT-02611090214 | info(at)medalges.com